Per la sua posizione geografica, al largo dell’Oceano Indiano e a sud-ovest dell’India, le Maldive godono di un clima tropicale caldo per tutto l’anno ma sono anche soggette alla stagione dei monsoni.

Questa stagione particolarmente piovosa inizia ad aprile e dura circa fino ad ottobre, mese in cui le piogge cominciano a diminuire per lasciar spazio ad un clima più calmo.

I turisti generalmente prediligono la stagione secca per visitare questo incantevole paradiso tropicale tuttavia molti non si fanno intimidire dai monsoni e scelgono di viaggiare verso le Maldive anche durante la nostra primavera ed estate.

La temperatura è piacevolissima anche durante la stagione dei monsoni e ci sono molte attività che si possono intraprendere in questi mesi. Ma quali sono le 5 cose principali da fare alle Maldive durante la stagione dei monsoni? Vediamole insieme!

 

5. Snorkeling

 

Le Maldive grazie al loro reef costituiscono un incredibile paradiso marino, un sogno per tutti gli amanti degli sport acquatici. Una delle attività più popolari è indubbiamente lo snorkeling:

l’acqua delle Maldive è sempre calda e l’eventuale pioggia non pregiudica in alcun modo il divertimento! La barriera corallina è abitata da moltissime specie di coloratissimi pesci, sarà una vera gioia per gli occhi vederli nuotare intorno alle vostre gambe.

 

4. La moschea di Hukuru Miskiy e il Museo Nazionale

 

La stagione dei monsoni è perfetta per unire al divertimento un po’ di turismo culturale. La moschea di Hukuru Miskiy è conosciuta come la “vecchia moschea del venerdì” ed è uno dei luoghi più antichi delle Maldive. Fu costruita nel 1658 con pietra corallina e la sua incredibile architettura l’ha fatta diventare un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Anche il Museo Nazionale delle Maldive è una meta molto interessante: qui potrete scoprire la storia di questa nazione attraverso manufatti dell’era buddista e musulmana, oggetti spettacolari come uno scheletro di balena dal becco di Longman lungo 6 metri. Esperienza perfetta da fare con i bambini!

 

3. Food tour

 

Che piova o tiri vento, un food tour alla scoperta dei sapori locali è sempre un’esperienza che vale la pena di fare in un paese straniero. Le Maldive in particolare vantano una cucina davvero varia e deliziosa. Gli ingredienti principali sono la frutta, i pesci e i frutti di mare, salsicce e pancetta, pollo al curry e molti piatti a base di tonno. In tutte le isole delle Maldive troverete sia ristoranti di alta qualità che street food, soluzioni entrambe perfette per scoprire i sapori più caratteristici della cultura maldiviana.

 

2. Scoprire la biologia, l’astronomia e la natura

 

Le Maldive sono definite un paradiso tropicale non solo per la bellezza delle sue spiagge ma anche per i tesori naturalistici che custodisce, tutti da scoprire. In molti degli hotel presenti sugli atolli troverete degli esperti biologi a disposizione per degli incontri o per delle vere e proprie lezioni sulla meravigliosa fauna presente sulle isole. Allo stesso modo alcuni hotel organizzano escursioni notturne in compagnia di astronomi per ammirare il cielo tropicale e riconoscere le costellazioni, così diverse dalle nostre. Una vacanza alla Maldive è molto di più del semplice svago, è anche la possibilità di portarsi a casa un tesoro di conoscenze che custodirete per tutta la vita.

 

1.Island hopping

 

Tutte le isole delle Maldive sono differenti le une dalle altre: i tour che vi accompagnano alla scoperta dei vari atolli sono fruibili tutto l’anno, sia nella stagione secca che in quella dei monsoni. Durante questi tour chiamati “island hopping” un esperto sarà a vostra disposizione per raccontarvi le meraviglie di ciascuna isola e di ciascun atollo: durante la stagione dei monsoni potrete dedicarvi a questa attività senza preoccupazioni.